Hannes Vonmetz Schiano: "Stages of Consciousness"


Hannes Vonmetz Schiano: Stages of Consciousness



Stages of consciousness III, 2012_olio, spray e gommalacca su tela_317 x 203 cm.




Vernissage
ven 27.04.2012, ore 18.00

Bolzano, Galleria Goethe2
mar 01.05.2012 - ven 15.06.2012 (ma,me,gi,ve)
ore 15.30-19.30
Mattino su appuntamento

Presentato da: Achille Bonito Oliva


Hannes Vonmetz Schiano è pittore a tutto tondo, capace tra l’altro di esprimersi anche in un territorio precluso ai più, quello del grande formato, in cui riesce a conservare intatta la propria sapienza cromatica e compositiva. E sono proprio quadri di grandi dimensioni, “icone dilatate”, che la Galleria Goethe2 presenta.
Forme e colori – una “costellazione di forme”, come illustra Achille Bonito Oliva nel proprio denso saggio di presentazione - che riconsegnano alla pittura il suo ruolo di cerniera, di “soglia pellicolare” tra la dimensione platonica “dimenticata a memoria” e la vita reale.
“La pittura di H.V.S. si è affidata inizialmente alla strutturazione di forme astratte evidenziate sulla tela con la forza costruttiva di una sorta di architettura organica, fatta trasgredendo la rigidità della geometria e assecondando invece forme a tutto tondo. Spirali, con un ritmo concavo e convesso, profonde anse sgomitanti nello spazio sono tracce di una visione dell'arte capace di fondare una diversa natura delle forme, la pittura come Cosa, intesa come interna caverna con elastici perimetri.
Il perimetro nasce dal bisogno dell'artista di produrre una misura confinante il gesto, l'elasticità a sua volta segue l'impulso di non creare rigidità e repressione a forme attinenti la profondità psichica e quella fisica dello spazio.
Il colore serve ad accentuare tale tensione, non certo a commentare espressionisticamente, secondo i dettami della pura soggettività, le dialettiche interne dell'opera. Anche il nero, colore proverbialmente drammatico, asseconda il bisogno di evidenziare la cifra energetica di una costruzione che tende ad essere interna più che esteriore.”

Le opere esposte saranno pubblicate all’interno di un catalogo con testo critico di Achille Bonito Oliva che verrà presentato in occasione della mostra.

Contemporaneamente, dal 05.05. al 09.06.2012, verrà ospitata la mostra “Stations of the cross” di Hannes Vonmetz Schiano, inaugurazione 4 maggio ore 19.00 e finissage 9 giugno ore 19.00, presso il chiostro del convento di Muri Gries in Piazza Gries 21 a Bolzano.


Hannes Vonmetz Schiano è nato a Bressanone nel 1976. Si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Roma nel 2002 ed ha proseguito i propri studi all’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf dal 2003 al 2005 con i professori Merz e Brandl. Negli anni 2005 e 2008 ha ottenuto una borsa dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Vive e lavora tra Düsseldorf, Bressanone e Posada.

Mostre (Selezione):
2012 Goethe2, Bolzano; Abbazia Muri Gries, Bolzano; Historisches Museum, Regensburg;2010 Galerie Fridey Mickel, Berlin; Galleria Goethe Galerie, Bolzano; galleria Civica, Bressanone,; Galerie Felix Ringel, Düsseldorf; 2009 Galleria Leonardo, Bolzano; 2008 Art Moskow, Mosca; 2007 DC Düsseldorf; 2005 Arco, Madrid; Art Cologne, Köln; 2004 Galleria Leonardo, Bolzano; 2003 Galleria Leonardo, Bolzano; 2001 International Accademie of Arts, Roma.


Comments

Popular Posts